fitoterapia, Salute Naturale

Avvelenarsi live, come Zhang ci ha quasi rimesso la vita per aver scambiato una pianta per un’altra

News di queste ultime ore è l’avvelenamento della blogger vegana crudista cinese Zhang, avvenuto proprio davanti alla telecamera con cui stava facendo un vlog. 

Questa ragazza di 26 anni aveva intenzione di trattare l’argomento delle proprietà dell’aloe vera, e ha deciso di farlo in livestream mangiandone direttamente il gel dalla foglia.

TELEMMGLPICT000133082084-large_trans_NvBQzQNjv4BqM37qcIWR9CtrqmiMdQVx7A1ukSk6X5yaaeKb0EZYBPs

Ma qualcosa va storto, dal decantarne le qualità ed esprimere apprezzamento dicendo “mhh che buona” “ottima” etc dopo qualche secondo la ragazza afferma che il sapore è un po’ amaro per poi sentir andare la gola in fiamme e la bocca diventare insensibile  e sospendere la diretta per correre in ospedale.

Sorpresa: la pianta utilizzata per il vlog non era affatto aloe vera, bensì agave americana.

188eafe9a293d63a76fd0bd5198c7e10
Agave Americana verde

L’agave americana proveniente dal Messico viene utilizzata nell’industria alimentare per produrre alcuni alcolici compresa la tequila, ma questo a valle di diversi trattamenti e con un controllo rigido sulle quantità; certo non è una pianta edula, anzi può causare grossissimi problemi se ingerita pura fino ad arrivare anche al decesso.

Contiene infatti molti oli tossici oltre ai pericolosissimi ossalati di calcio sotto forma di rafidi  (dei micro aghi  presenti in molte piante proprio come meccanismo di difesa contro il loro consumo alimentare)

Il problema è che in fase non avanzata della crescita della pianta, le foglie di agave americana verde e quelle di aloe vera possono risultare simili ad un occhio non esperto e allenato a notarne le differenze.

f88d2f906071390c8831d71af303791d
Aloe vera

Il quotidiano Telegraph ha avuto notizie da Shanghai ed ha riportato che la ragazza ha avuto numerose eruzioni cutanee e vesciche oltre ad  aver subìto una lavanda gastrica d’urgenza. Si starebbe riprendendo in fretta ma è salva solo grazie alla grande tempestività dei soccorsi.

Questo ci deve insegnare che non possiamo nella maniera più assoluta dirci certi di saper riconoscere una pianta e che nel dubbio i rimedi fai da te non sono una buona idea.

Assumere rimedi naturali è una pratica sicura e priva di rischi solo se li acquistiamo confezionati e opportunamente titolati.

Questo significa assumere per uso interno un prodotto controllato, certificato e che l’azienda produttrice ha provveduto a dosare!

Mentre il video integrale dell’accaduto è fortunatamente introvabile (povera cara non oso immaginare l’imbarazzo e il dolore) diverse testate giornalistiche estere parlano dell’argomento:

 

 

Annunci

7 thoughts on “Avvelenarsi live, come Zhang ci ha quasi rimesso la vita per aver scambiato una pianta per un’altra”

  1. Ah sono proprio d’accordo.
    La natura è potente, sia in positivo che in negativo, improvvisarsi esperti è sbagliato in ogni ambito ma penso che con le piante non si possa proprio scherzare, gli effetti possono essere veramente pericolosi!

    Liked by 1 persona

  2. Terribile…però prima di fare certi esperimenti si dovrebbe essere certi di quello che si fa. Sarebbe come farsi un risotto coi funghi con l’amanita falloide 😉 Uso da tempo l’aloe vera ma uso anche l’agave…solo nei miei margarita però 🙂 Ciao Francesca!

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...