antiossidanti, Dolori e Infiammazioni, fitoterapia

Coltivare e usare l’Aloe in casa

L’aloe vera è diventata in questi anni un ingrediente estremamente popolare, non solo in fitoterapia ma anche in cosmesi. Ovunque troviamo prodotti a base di aloe e in ogni vivaio sono in vendita le piantine.

come coltivare e usare (1)

 

Di certo siamo tutti a conoscenza delle ottime proprietà che questa pianta ha sull’organismo:

  • antinfiammatoria
  • antiossidante
  • antibatterica
  • lenitiva

Sono certa che quasi ognuno di voi che sta leggendo, ha in casa in questo momento almeno un prodotto confezionato a base di aloe: shampoo, crema, succo, bibita…

Invece quando si tratta di utilizzare il prodotto fresco raccogliendolo direttamente dalla pianta acquistata in vivaio le idee si fanno più confuse vero? Proviamo a fare un po’ di chiarezza e a svelare tips and tricks di questa pratica.

Homemade-Aloe-Vera-Juice-01La pianta da cui è possibile estrarre il gel per utilizzarlo è una pianta matura, alta almeno una ventina di centimetri; ed è una pianta in salute, le foglie devono essere verde brillante e ben gonfie, come nel caso della foto qui di fianco.

Con un coltello ben affilato cercate di raccogliere la foglia desiderata effettuando un taglio pulito a circa due dita dalla base.

La foglia non ricrescerà da dove avete tagliato, ma se la procedura è stata fatta con criterio la pianta non verrà danneggiata dalla raccolta e continuerà ad espandersi dal centro verso l’esterno senza problemi.

Sciaquate bene la foglia ed il coltello sotto abbondante acqua corrente facendo attenzione a non graffiarvi con le estremità pungenti.

Posizionate la foglia con la curvatura verso il basso su un tagliere e rimuovete le parti spinose sui margini esterni. A questo punto vi troverete con solo la parte superiore ed inferiore coperte dalla “pelle” ed il gel nel mezzo.

Attentamente utilizzate il coltello per rimuovere anche lo strato superiore di “pelle”.

MG_6676-1024x682

Ora che il gel è esposto potete raccoglierlo con un cucchiaio pulito, frullarlo in frullatore o mixer e metterlo in un contenitore per alimenti con coperchio. Il gel di aloe si conserva in frigo per una settimana circa, quindi vi conviene preparare la quantità necessaria per questo tempo e non di più, evitando di esagerare e sprecarne.

Vi lascio qui un video esplicativo di come fare, tratto dal canale di Nicol Rossi:

Questo gel fresco di aloe lo potete utilizzare in moltissimi modi!

Da parte mia vi consiglio di utilizzarlo fresco per fini fitoterapici estetici/cosmetici. L’aloe vera può essere utilizzata anche per uso interno (bevendo direttamente il gel) ma c’è un ma: a volte se non si è proprio addetti ai lavori può risultare difficile distinguere la pianta corretta e non vorrei che correste il rischio di ingerire qualcosa che non è aloe vera/barbadensis. Inoltre il succo di aloe può avere alcuni effetti collaterali su alcuni organismi sensibili (es. forte effetto lassativo).

Vi do quindi qualche idea sugli usi fito-cosmetici.

Curare scottature e bruciori:

Spalmare una noce di gel di aloe sulla pelle scottata dal sole, la sera prima di coricarsi, è un’ottima pratica per permettere alla pelle di recuperare idratazione e per lenire il bruciore. L’effetto è ancora più piacevole se il gel è stato tenuto in frigo e applicato fresco.

img_how_to_make_aloe_vera_ice_cubes_6996_600Potete anche versare il gel in un vassoietto da ghiaccio e metterlo in freezer.

Questi cubetti di aloe ghiacciata saranno un sollievo meraviglioso per pelli infiammate di ogni tipo, è un ottimo rimedio anche per pelli psoriasiche, per alleviare il prurito dei morsi di insetto o per alleviare il bruciore della pelle entrata a contatto con l’ortica.

 

Scrub Naturale

  • Per il viso: mischiate un poco di zucchero di canna al vostro gel di aloe ed ecco pronto uno scrub super naturale e nutriente per le pelli più delicate e bisognose di idratazione. Risciacquate con acqua tiepida e applicate una crema idratante.
  • Per mani e piedi: mischiate gel di aloe fresco con zucchero di canna, miele e succo di limone. Massaggiate e lasciate in posa per 5/10 minuti. Risciacquate con acqua tiepida e non dimenticate di applicare una buona crema idratante a fine trattamento.

Contrastare l’acne

Sono sostenitrice convinta del fatto che l’acne deve essere curata prima di tutto dall’interno! L’alimentazione e lo stile di vita scorretti ne sono la causa ed è impossibile pensare di risolvere il problema, soprattutto se è “avanti” nel decorso, solo applicando prodotti sulla pelle. Detto ciò penso che l’aloe sia un ottimo fitoterapico per aiutare la pelle a disinfiammarsi. Oltre che antinfiammatoria è antibatterica e seboregolatrice. Spalmare una noce di gel di aloe sulle parti interessate dall’acne è sicuramente una buona abitudine!

Gli utilizzi possibili sono molti altri, e se ne conoscete già o ne mettete qualcuno in pratica fatemelo sapere nei commenti!

aloe-vera-juice

Warning: il gel di Aloe è ok per le scottature e le irritazioni ma non va utilizzato su ferite aperte.

aloe

 

sharing-is-caring

 

 

 

Annunci

11 thoughts on “Coltivare e usare l’Aloe in casa”

  1. Confermo al 100% l’efficacia sulle punture di insetto.
    A causa di una puntura di ape mi sono ritrovato una caviglia dolorante che sembrava un cotechino.
    La mia ragazza ha tagliato la foglia in due e mi ha fatto una fasciatura direttamente con quella.
    A parte il fatto che rinfresca molto e mi sono sentito subito meglio, ho addirittura dormito con la fasciatura e al mattino dopo il gonfiore era diminuito parecchio.
    Non dovrebbe mancare mai in casa una bella pianta di Aloe!

    Liked by 1 persona

    1. Grazie di aver condiviso questa tua esperienza, con il lavoro che fate immagino che le punture purtroppo non manchino! E se riesce a contrastare le punture d’ape, quest’estate la userò anche come anti zanzara. Viva l’aloe! A presto!

      Mi piace

      1. Purtroppo (o per fortuna, chissà) per me l’apicoltura è solo poco più di un hobby. O meglio, svolgo un lavoro che mi aiuta a finanziare la mia formazione e l’acquisto delle attrezzature per “governare” le api.
        Ci sono giorni in cui le “ragazze” non ne vogliono proprio sapere di essere infastidite, e giorni in cui invece sembra abbiano piacere che tu sia andato a far loro visita. Purtroppo un po’ per gli impegni di tutti i giorni, un po’ perché certi interventi non si possono rimandare, può capitare di dover metter mano agli alveari anche se le api non sono ben disposte, e in quelle giornate le punture sono all’ordine del giorno.
        Quindi concordo, viva l’aloe!

        Liked by 1 persona

  2. Vedo scritto su questa pagina “Warning: il gel di Aloe è ok per le scottature e le irritazioni ma non va utilizzato su ferite aperte”. Mi può spiegare quali sono le ragioni?
    Su molti siti viene consigliato l’utilizzo di Aloe per cicatrizzare ferite aperte.
    Grazie

    Liked by 1 persona

    1. Buona sera Elena, chiedo scusa per il ritardo! Dunque, è vero che aloe può essere utile per condurre a completa cicatrizzazione piccole ferite, in caso di piccole abrasioni non è assolutamente vietata ad anzi consigliata. Il mio avvertimento è stato una puntualizzazione sul caso di lacerazioni aperte severe, per le quali certamente non ritengo saggio da parte mia consigliare ai lettori di rischiare con medicazioni domestiche (tanto più se non si è al 100% esperti e certi della pianta che stiamo usando o del prodotto che abbiamo acquistato!)
      Spero di aver risposto alla tua perplessità! Un abbraccio!

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...