Gemmoderivati

 

I gemmoderivati sono prodotti fitoterapici preparati utilizzando i tessuti embrionali ( meristematici) freschi della pianta. Per la preparazione sono ammessi: gemme, giovani getti (che sono le gemme appena schiuse), radichette, semi e raramente scorza dei fusti più giovani.

How-Plant-Stem-Cells-Work-When-Used-As-Stem-Cell-Therapy-in-Humans-870x400La parte opportuna della pianta viene messa a macerare per 21 giorni in un solvente d’alcol e glicerina (per questo sono indicati come “macerato glicerico” o M.G.) e il preparato risultante viene diluito alla 1DH: 1 parte del primo macerato + 9 parti di composto d’alcol, acqua e glicerina. Il gemmoderivato, nonostante l’operazione di diluizione, non è un medicinale omeopatico ma a tutti gli effetti un fitoterapico.

Perchè le gemme, vi chiederete?

Le parti embrionali della pianta sono davvero un concentrato di energia vitale in grado di stimolare l’attivazione di specifici processi biologici dell’organismo. L’assunzione di gemmoderivati consente di attuare un’ operazione di drenaggio profondo degli organi ( soprattutto degli organi emuntori) ed una eliminazione delle sostanze tossiche dall’organismo, riducendo così il rischio di malattia.

Una caratteristica peculiare dei gemmoderivati è l’organotropismo, i vari rimedi infatti manifestano un’azione elettiva nei confronti di alcuni organi o apparati: ad esempio Cedrus Libani per la cute o Castanea Vesca per i vasi linfatici.

“Il metodo della “Gemmoterapia clinica” trattando organo per organo, apparato per apparato, aumenta le difese tessutali e ristabilisce i metabolismi locali alterati. Per la sua azione elettiva sui vari emuntori del corpo umano e per la stimolazione più generale che esercita sul sistema reticolo-endoteliale, la gemmoterapia assicura una profonda e durevole disintossicazione, che pone l’organismo nelle migliori condizioni.” Dr. Max Tétau 

La lista dei gemmoderivati maggiormente utilizzati conta 55 rimedi (sto aggiungendo progressivamente gli articoli relativi ad ogni rimedio, è un work in progress!)

I Gemmoderivati più utilizzati e i loro organotropismi
  • Abies Pectinata – gemme → Apparato scheletrico, tessuto linfatico
  • Acer Campestris – gemme → Vie biliari, sistema nervoso, vasi arteriosi
  • Aesculus Hippocastanum – gemme → Vasi venosi
  • Alnus Glutinosa  – gemme → Vasi arteriosi e venosi, mucose
  • Alnus Incana – gemme → Apparato genitale femminile, apparato scheletrico
  • Betula Pubescens – gemme → Apparato osteoarticolare, metabolismo, sistema reticolo-endoteliale
  • Betula Verrucosa – gemme → Sistema reticolo-endoteliale, apparato osteoarticolare
  • Carpinus Betulus – gemme  → Seni paranasali e vie aeree alte, midollo osseo
  • Castanea Vesca – gemme → Vasi linfatici
  • Cercis Siliquastrum – gemme  → Vasi arteriosi, emocrasia
  • Cornus Sanguinea – gemme  → Emocrasia, tiroide, miocardio
  • Corylus Avellana – gemme → Tessuto connettivo (polmoni-fegato), emocrasia
  • Fagus Sylvatica – gemme → Vie urinarie, sistema reticolo-endoteliale
  • Ficus Carica – gemme → Stomaco, sistema neurovegetativo
  • Fraxinus Excelsior – gemme → Vie urinarie, apparato locomotore
  • Juglans Regia – gemme → Cute, mucose
  • Pinus Montana – gemme
  • Platanus Orientalis – gemme
  • Populus Nigra – gemme
  • Prunus Amygdalus – gemme
  • Quercus Peduncolata – gemme
  • Ribes Nigrum – gemme
  • Sorbus Domestica – gemme
  • Syringa Vulgaris – gemme
  • Tilia Tormentosa – gemme
  • Ulmus Campestris – gemme
  • Viburnum Lantana – gemme
  • Vitis Vinifera – gemme 
  • Ampelopsis Weitchii – giovani getti → Articolazioni, tessuto periarticolare
  • Cedrus Libani – giovani getti → Cute
  • Crataegus Oxyacantha – giovani getti
  • Ilex Aquifolium – giovani getti
  • Juniperus Communis – giovani getti → Fegato, vie urinarie 
  • Ligustrum Vulgare – giovani getti → Mucosa orale, apparato respiratorio
  • Lonicera Nigra – giovani getti → Fegato, apparato respiratorio e scheletrico
  • Olea Europea – giovani getti
  • Rosmarinus Officinalis – giovani getti
  • Rubus Fructicosus – giovani getti
  • Rubus Idaeus – giovani getti
  • Rosa Canina – giovani getti
  • Sequoia Gigantea – giovani getti
  • Tamarix Gallica – giovani getti
  • Vaccinium Vitis Idaea – giovani getti
  • Viscum Album – giovani getti
  • Betula Pubescens – giovani radici  → Vie urinarie
  • Quercus Peduncolata – giovani radici
  • Secale Cereale – giovani radici
  • Zea Mais – giovani radici
  • Betula Pubescens – scorza radici
  • Prunus Amygdalus – scorza radici
  • Quercus Peduncolata – scorza radici
  • Betula Pubescens – amenti → Sistema endocrino
  • Betula Verrucosa – semi  → Encefalo
  • Citrus Limonum – scorza giovani getti
  • Quercus Peduncolata – ghiande
  • Calluna Vulgaris  → Encefalo, fegato, milza, reni

L’assunzione di gemmoderivati non interferisce con l’assunzione di altri rimedi naturali nè con quella di terapie convenzionali, anzi, il drenaggio e la disintossicazione profonda che ne conseguono creano un terreno perfettamente pulito e adeguato per la loro azione.

07-99-034-Basic-1TLa posologia media per un adulto è di 50 gocce da 1 o 2 volte al dì, 15 minuti prima dei pasti diluite in mezzo bicchiere d’acqua. L’acqua va tenuta in bocca per circa 1 minuto prima della deglutizione garantendo il massimo assorbimento.  Sono necessarie almeno da 20 a 40 giorni per iniziare ad apprezzare effetti e/o risultati della “terapia”.

I gemmoderivati vanno utilizzati per i bambini solo dopo i 2 anni di età e nella dose di 1 goccia per chilo di peso del bambino in mezzo bichiere d’acqua 1 o 2 volte al dì, aggiungendo miele o zucchero se il bambino non gradisce il sapore, sempre con il consenso del pediatra.

In caso di accertata ipersensiblità alla glicerina non è indicato utilizzare macerati glicerici.

Tutto il contenuto di questo articolo deve essere considerato di carattere esclusivamente divulgativo e non può in alcun modo intendersi come sostitutivo di atti medici, né riferirsi a specifici casi singoli, per i quali si invita a consultare il proprio medico curante. L’autore di questo blog non è responsabile di eventuali conseguenze derivanti da un utilizzo dei suoi contenuti diverso da quello meramente informativo.

Approfondimenti:

  • L’uomo, la fitoterapia, la gemmoterapia – Bruno Brigo
  • Manuale pratico di gemmoterapia – Erica Campanini
Annunci

9 pensieri su “Gemmoderivati

  1. Allora, no ti scrivo qui, doverosamente invitandoti comunque a parlare dell’utilizzo di questi prodotti con il medico che ti segue,capirai perché 😊
    Ti consiglio Ampelopsis w. M.G.1DH, 50 gocce in acqua prima di colazione – Calluna vulgaris M.G.1DH, 50 gocce in 
    acqua prima di pranzo e cena – Vitis vinifera M.G.1DH, 50 gocce in acqua dopo 
    cena.
    Ti consiglio di considerare anche Boswellia Serrata, dimostrato molto efficace per questa patologia.
    Se non lo conosci ancora ti consiglio vivissimamente di documentarti riguardo a metodo Kousmine che fa miracoli sul sistema immunitario. Un abbraccio!

    Liked by 1 persona

  2. Pingback: Gemmoderivati: Aesculus Hippocastanum – Fitoterapia Pratica

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...